Tokalon presenta dei corsi che riuniscono più discipline per trovare un nuovo punto di vista sull’argomento della lezione.

[tab]
[tab_item title=”L’antichità classica tra Medioevo e Rinascimento: il caso di Dante e Michelangelo”]

Materie coinvolte: Letteratura Italiana, Storia e Storia dell’Arte.

Il privilegio di abitare in una città dove ad ogni passo si respira una storia millenaria non dovrebbe essere sottovalutato.

Roma è uno scrigno inesauribile di storia, arte e letteratura, la cui unicità non sfugge di certo alle migliaia di turisti che, provenendo da ogni parte del mondo, la affollano quotidianamente.

I due pilastri o i due cromosomi su cui si fonda la storia ultramillenaria di Roma sono evidenti: l’uno è rappresentato dalla Roma antica, l’altro dalla Roma cristiana.
Da una parte l’aspirazione di Roma alla grandezza e in particolare dell’Impero romano al dominio sul mondo. Dall’altra l’avvento del Cristianesimo con la sua rivoluzione antropologica, che si riflette nel nuovo corso storico artistico e letterario della città.

La sintesi fra questi due pilastri è stato un lungo e faticoso processo fatto di incomprensioni, apologie e reciproche persecuzioni. I momenti più decisivi di questo percorso sono rappresentati, in ambito letterario, dalla figura di Dante, che vede negli antichi poeti della Roma pagana i maestri ineguagliati di scrittura e umanità.
In ambito artistico è Michelangelo a sanare definitivamente la frattura fra Roma antica e cristiana, grazie al capolavoro per cui è celebre in tutto il mondo: la Cappella Sistina.

Il modulo affronterà, dunque, l’incontro fra questi due pilastri, nella prospettiva privilegiata dello studio della Commedia e della Cappella Sistina.
Il corso mostrerà l’approccio che il sommo poeta riserva ai classici, in particolare Virgilio e Ovidio, e tenterà di guardare all’antichità attraverso l’ottica privilegiata del poeta fiorentino. Si proporrà, quindi, l’analisi intertestuale di alcuni episodi significativi della Commedia e passi degli antichi autori, nel tentativo di individuare come il sommo poeta li leggesse, li studiasse e utilizzasse all’interno del poema.

Nella seconda parte del modulo saranno Michelangelo e la sua Cappella Sistina ad essere analizzati, al fine di individuare il trattamento riservato dall’artista fiorentino alle vestigia della Roma antica.
Ne emergerà un atteggiamento simile che costituisce il momento decisivo di quella sintesi fra due mondi fino ad allora apparentemente inconciliabili.

Il corso prevede lezioni frontali e interattive e visite guidate sul campo (Foro Romano – Musei Vaticani e Cappella Sistina).

[/tab_item]
[tab_item title=”Le forme economiche della natura”]

Materie coinvolte: Arti visive e Matematica.

Che la matematica sia un linguaggio è cosa nota, solo che in molti lo conoscono, lo farfugliano e lo masticano, ma non è detto che sappiano chi lo ha inventato.

Chi ha pronunciato la prima parola matematica?

E chi continua a sfornare incomprensibili neologismi?

E perché?

[/tab_item]

[/tab]